0

Atelier Giavenale

DENTIST CLINIC SG . Schio

Atelier Giavenale . DENTIST CLINIC SG . Schio afasia Brando Ghinzelli (1)

Atelier Giavenale . photos: © Brando Ghinzelli

Playfulness and transparency are the themes at the base of the project for the dental clinic dedicated to children.

 

Three distinct areas are created within the main space thanks to the use of curtains hanging from circular rails. To reinforce the limit of these spaces, there are custom-made carpets that regain the perimeter of the curtains on the ground. The feeling from the inside of these
“rooms” is that of protection and intimacy, however, the visibility from the outside is ensured, so that parents have a view towards their children while they play.

The layout of the internal space aims to create a light and relaxing atmosphere, where young patients could feel comfortable while waiting for their appointment.

The pastel shades of the furnishings, inspired by the production of Donald Judd, and the use of natural materials, help to the achievement of a friendly and relaxed mood.

The furniture is designed so that it can be easily moved, changing the layout of the room and promoting new configurations, permitting to use the room differently every day. Stools can be used both for sitting and as large baskets containing toys for children. The walls have been painted with a special paint transforming them into blackboards. Different drawings appear every day, increasing the perception of a constantly changing space.

Overall, the environment promotes the exchange and interaction between patients and their parents, eliminating the classic social barriers and mixing different worlds within the same space.
_

 

 Giocosità e trasparenza sono i temi attorno ai quali gravita il progetto per la sala d’attesa della clinica dentistica dedicata ai bambini.

All’interno dello spazio principale vengono creati tre ambiti distinti grazie all’utilizzo di tende che pendono da binari circolari. A rimarcare il limite di questi spazi vi sono dei tappeti su misura che a terra riprendono il perimetro della tenda. La sensazione dall’interno di queste “stanze” è quella di protezione ed intimità garantendo però la visibilità dall’esterno, in modo che i genitori abbiano una visuale verso i propri figli mentre giocano.

L’allestimento dello spazio interno mira alla creazione di un’atmosfera leggera e rilassante, dove i giovani pazienti possano sentirsi a proprio agio nell’attesa del loro appuntamento.

Le tonalità pastello degli arredi, ispirati alla produzione di Donald Judd, e l’utilizzo di materiali naturali, contribuiscono significativamente all’ottenimento di un mood amichevole e disteso.

L’arredo è disegnato in modo da poter essere spostato facilmente, modificando la disposizione della sala e promuovendo nuove configurazioni, permettendo di utilizzare la sala in modo diverso ogni giorno. Gli sgabelli possono essere utilizzati sia per sedercisi che come grandi cesti contenenti i giocattoli per i bambini. Le pareti perimetrali sono state verniciate con una pittura apposita in modo da trasformarle in vere e proprie lavagne cancellabili. Ogni giorno compaiono disegni diversi, aumentando la percezione di uno spazio in continuo mutamento.

Nel complesso l’ambiente promuove lo scambio e l’interazione tra i pazienti e i loro genitori, eliminando le classiche barriere sociali e mescolando mondi diversi all’interno dello stesso spazio.